Archivi della categoria: Nel Mondo

Esodo dall’Honduras: in decine di migliaia superano le frontiere. Le Chiese aprono le porte, ma c’è preoccupazione

Il loro sogno: arrivare negli Stati Uniti. Grazie al tam tam dei social, dopo un giorno il gruppo era diventato una carovana. All’inizio della settimana sono stati in 3.500 ad entrare in Guatemala, primo passaggio obbligato del lungo viaggio. Poi, dietro di loro si sono mosse altre migliaia di persone: circa la metà sono donne. Ci sono bambini, anziani, persone in precarie condizioni fisiche

Cei: un milione di euro per le vittime del terremoto e tsunami in Indonesia

«La presidenza della Conferenza episcopale italiana ha stanziato un milione di euro per fornire assistenza alle vittime del terremoto e del conseguente tsunami che hanno recentemente colpito l’Indonesia. Lo stanziamento avverrà tramite Caritas Italiana, che renderà conto degli interventi effettuati al Servizio per gli interventi caritativi a favore del terzo mondo».

A lezione da Jürgen Grässlin: «Chi semina armi, raccoglie profughi»

Dalla Germania una fila ordinata di carri armati e missili è pronta per essere venduta a Paesi esteri in guerra. E da quei Paesi, in cui la guerra è alimentata anche dalle armi vendute dalle ditte tedesche, arrivano in Germania migliaia di migranti e richiedenti asilo. «Chi semina armi raccoglie profughi», afferma Jürgen Grässlin, il più famoso pacifista tedesco che nei giorni scorsi è stato protagonista di una serata organizzata nella città lungo il Passirio dalla onlus Human rights International.

Diciotti, l’odissea continua: «A bordo minori torturati per oltre un anno»

«Mentre 150 persone rimangono sulla Diciotti, 27 minori soli sono sbarcati ieri a Catania. Nonostante il grande supporto della Guardia Costiera, molti sono fortemente deprivati, rimasti anche 3 anni nei centri libici, al buio per mesi, pure con segni di ferite da arma da fuoco» A scriverlo Giovanna Di Benedetto, portavoce di Save The Children Italia.

Le mezze verità sull’accoglienza dei migranti

Non è più questione di numeri, semplicemente non c’è più spazio per la compassione. Tutta questa faccenda dei migranti va rimossa il prima possibile e il modo migliore per farlo è il silenzio. Un silenzio colpevole che nasconde delle convinzioni sempre più radicate nella testa della gente. Sono certezze che ruotano intorno a due, massimo tre concetti, venduti da un caparbio imbonitore che promette un paese finalmente affrancato dalla responsabilità di salvare vite umane e dal peso dell’accoglienza.

Thailandia, tutti salvi i baby calciatori e l’allenatore: c’è una sola umanità, teniamocela stretta

La speranza comune di soccorritori e di ascoltatori ha messo in moto una catena di umanità. La morte di uno dei soccorritori, rimasto senza ossigeno mentre portava bombole di ossigeno per i ragazzi, ha reso ancora più forte e determinata quella catena di solidarietà: «Ora che lui è morto, dobbiamo mantenere la sua promessa di riportare a casa quei ragazzi».

Turchia, Gasparetto (univ. Padova): «La vittoria di Erdogan, un uomo solo al comando»

Con il 52,7% dei consensi, Recep Tayyip Erdoğan, leader del partito Akp, ha vinto le elezioni tenutesi in Turchia domenica 24 giugno riconfermandosi così capo dello Stato, carica che detiene dal 2014. Forte della riforma costituzionale varata nell’aprile del 2017 che ha abolito la carica di primo ministro accentrando il potere esecutivo, e per certi versi anche giudiziario, nelle mani del presidente, Erdogan sarà chiamato a guidare la Turchia fino al 2023. L’analisi di Alberto Gasparetto, dottore di ricerca in Scienza politica e relazioni internazionali all’Università di Padova.

Siria, cardinale Zenari: «Il sogno dei siriani è tornare nelle loro terre e nelle loro case»

«Il sogno dei siriani è tornare nelle loro terre e nelle loro case»: lo dice il card Mario Zenari, nunzio apostolico in Siria, che al Sir fa il punto sulla situazione nel Paese arabo entrato ormai nell’ottavo anno di guerra. Ma vanno create le condizioni necessarie per favorire questo rientro. Intanto in diverse aree del Paese si combatte ancora e i negoziati per arrivare ad una soluzione politica del conflitto sembrano non dare i risultati sperati. Il ruolo delle religioni nel processo di ricostruzione del dilaniato tessuto sociale siriano e quello dei cristiani che sono sempre meno.

A Reggio Calabria il cimitero dei migranti diventerà luogo-simbolo delle vittime del mare

La Caritas di Reggio Calabria-Bova lancia l’idea di ristrutturare il piccolo cimitero di Armo, dove sono sepolti 80 migranti morti durante la traversata nel Mediterraneo, tra cui donne e bambini molto piccoli. Le Caritas diocesane sono invitate a contribuire perché diventi un luogo educativo per ricordare le oltre 31.100 vittime del mare. Stasera ci sarà una commemorazione con i partecipanti al Coordinamento immigrazione di Caritas italiana.

Padre Alsabagh (Aleppo), “le ferite si curano con la riconciliazione” / VIDEO

“Il Papa in Siria? È stato invitato diverse volte in modo formale e informale a visitare la Siria. Tutti i vescovi hanno manifestato questa volontà. Certo bisogna anche capire dove andare ospite e chi visitare. Non è facile e anche la sicurezza non è stabile”. Non nasconde la speranza di vedere il Pontefice nel suo Paese dilaniato da oltre sette anni di guerra, padre Ibrahim … Continua a leggere Padre Alsabagh (Aleppo), “le ferite si curano con la riconciliazione” / VIDEO »

Bagno di sangue in Nicaragua. La Chiesa sospende il Dialogo con il governo

“Qui ci stiamo tutti giocando la pelle. Questa non è l’ora e questo non è il momento di una falsa neutralità. Chi rimane neutrale, in realtà, ha già scelto. E chi non esprime il suo pensiero, in realtà ha già deciso”. Parole nette, quelle che mons. Rolando José Álvarez Lagos, vescovo di Matagalpa, in Nicaragua, trasmette al Sir. Espressioni che esprimono bene la posizione assunta … Continua a leggere Bagno di sangue in Nicaragua. La Chiesa sospende il Dialogo con il governo »

Burundi, p. Pulcini, “la grande paura è il ritorno del problema etnico”

“La speranza è che chi governa il Burundi si apra alla comunità internazionale, all’Ue, all’Onu, per il bene del Paese. Altrimenti si rischia di andare verso la catastrofe in termini economici. E poi che si possa ripresentare il problema etnico: quella è la grande paura”. A parlare dalla sua parrocchia di Kamenge, nella diocesi di Bujumbura, in Burundi, è padre Mario Pulcini, superiore regionale dei saveriani del Burundi, … Continua a leggere Burundi, p. Pulcini, “la grande paura è il ritorno del problema etnico” »

Giordania, un caseificio e una pizzeria, dal produttore al consumatore

Un pizzaiolo lucano, uno chef veneto e un pastore sardo: sembra l’inizio di una di quelle storielle divertenti che si raccontano tra amici per ridere un po’ e invece sono alcuni dei protagonisti di una storia di solidarietà, nata poco più di un anno fa in Giordania, che sta assumendo sempre più i contorni di un ampio progetto di riscatto sociale, umano e economico. A … Continua a leggere Giordania, un caseificio e una pizzeria, dal produttore al consumatore »

Il racconto di padre Celso Duca, missionario in Brasile

Padre Celso Erminio Duca compirà novant’anni tra qualche mese e da sessanta è missionario in Brasile. Quando lo incontriamo nel suo ufficio parrocchiale ad Araputanga, nel Mato Grosso, ci racconta subito dei suoi prossimi progetti. “Vogliamo realizzare un grosso oratorio per i nostri ragazzi, ma le mie gambe non mi permettono di seguire tutto come vorrei e abbiamo dovuto rallentare un po’”. Di rallentare, il sacerdote … Continua a leggere Il racconto di padre Celso Duca, missionario in Brasile »

Privacy e internet, cosa sanno di noi i giganti della Rete?

“Se immaginassimo un modello di sviluppo diverso da quello attuale, potremmo persino riconquistare un po’ di privacy perché le esigenze di profilazione totale verrebbero a diventare meno centrali”. È il pensiero di Michele Sorice, ordinario di innovazione democratica e di political sociology alla LUISS “Guido Carli”, dove dirige il Centre for Media and Democratic Innovations “Massimo Baldini”. Con il caso Facebook-Cambridge Analytica, è stato posto all’attenzione del … Continua a leggere Privacy e internet, cosa sanno di noi i giganti della Rete? »

Corea-Usa, vertice saltato. Antonio Fiori, una partita giocata molto male

“Io me lo aspettavo. Da un po’ di tempo era nell’aria una presa di posizione da parte statunitense anche perché le richieste della amministrazione Trump non collimano e non sono mai collimate con le aspettative nordcoreane”. Antonio Fiori, docente di relazioni internazionali dell’Asia dell’Est all’Università di Bologna, ammette di non essersi assolutamente sorpreso della decisione del presidente Donald Trump di annullare l’incontro con il leader … Continua a leggere Corea-Usa, vertice saltato. Antonio Fiori, una partita giocata molto male »

Un progetto pastorale “ambizioso” per la Chiesa del Messico

Un progetto pastorale “ambizioso”. Frutto di un lavoro di approfondimento e consultazione durato due anni, che chiede “una conversione pastorale” a tutta la Chiesa e vuole contribuire a “ricostruire il tessuto sociale del Messico”. “Abbiamo preso sul serio l’invito che Papa Francesco ci ha rivolto durante la sua visita nel febbraio 2016”, spiega al Sir da Città del Messico il segretario generale della Conferenza episcopale … Continua a leggere Un progetto pastorale “ambizioso” per la Chiesa del Messico »

Gaza, suor Tighe (Caritas Jerusalem), “una bomba pronta ad esplodere”

“Una bomba pronta ad esplodere”: è questa l’immagine che suor Bridget Tighe, da gennaio direttrice generale di Caritas Jerusalem, usa per descrivere al Sir la situazione a Gaza dove ha vissuto e operato per ben cinque anni. Dopo le forti proteste delle settimane scorse, culminate nei violenti scontri del 14 maggio al confine con Israele, che hanno provocato decine di morti e migliaia di feriti, … Continua a leggere Gaza, suor Tighe (Caritas Jerusalem), “una bomba pronta ad esplodere” »

Negli Stati Uniti si celebra la Giornata nazionale per tutti i marinai

per celebrare l’arrivo a Liverpool della prima nave a vapore partita proprio il 22 maggio da Savannah in Giorgia, la celebrazione voleva onorare la Marina mercantile americana e oggi ricorda tutti coloro che lavorano sui mercantili e i benefici apportati dall’industria marittima alle nostre società. Brendan J. Cahill, vescovo della diocesi di Victoria, in Texas e responsabile dell’Apostolato del Mare (Aos), ha celebrato una messa … Continua a leggere Negli Stati Uniti si celebra la Giornata nazionale per tutti i marinai »

P. Mifsud di Cile: “Era necessario passare dalle parole ai fatti ma ci vorrà tempo”

“La verità è che le dimissioni dei vescovi cileni mi hanno sorpreso”. Padre Tony Mifsud, gesuita, direttore della rivista cilena “Mensaje” risponde così alla domanda se si aspettava la decisione presa unanimemente da tutti e 34 i vescovi cileni di rimettere il loro mandato nelle mani del Santo Padre. Un esito sorprendente, giunto alla fine di tre giorni di incontri e dialogo che i vescovi … Continua a leggere P. Mifsud di Cile: “Era necessario passare dalle parole ai fatti ma ci vorrà tempo” »

Veglia di preghiera per la pace a Gaza e in Medio Oriente

Riportiamo di seguito il testo dell’omelia tenuta da mons. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico di Gerusalemme, in occasione della veglia di preghiera per la pace a Gaza e in Medio Oriente che si è tenuta a Gerusalemme. Carissimi fratelli e sorelle, Siamo qui riuniti innanzitutto per stringerci intorno al dolore di quanti in questi ultimi giorni hanno perso la vita. Purtroppo, dobbiamo ancora una volta constatare che nella nostra Terra la … Continua a leggere Veglia di preghiera per la pace a Gaza e in Medio Oriente »

Venezuela, card. Urosa, «il governo è responsabile dell’integrità dei detenuti»

“È responsabilità del governo la sicurezza e l’integrità dei prigionieri che si trovano in carcere”: lo ha affermato oggi il card. Jorge Urosa Savino, arcivescovo di Caracas, a proposito della rivolta nel carcere El Helicoide, a Caracas, dove sono detenuti i prigionieri politici, altrimenti chiamato “La tumba” per i maltrattamenti a cui sono sottoposti i dissidenti. Dopo la nota dei vescovi venezuelani che chiedeva il … Continua a leggere Venezuela, card. Urosa, «il governo è responsabile dell’integrità dei detenuti» »